Il Duomo e i Calanchi di Atri

Il Duomo e i Calanchi di Atri


La storia e la cultura abruzzese sono espresse nei capolavori artistici distribuiti lungo tutto il territorio, uno dei più rilevanti è situato nel comune di Atri ed è rappresentato dal Duomo.

Denominato correttamente Basilica concattedrale dell’Assunta, il Duomo di Atri è un monumento nazionale costruito tra il 1260 e il 1305 e affinato negli anni successivi con molteplici modifiche e aggiunte strutturali. Le fondamenta della chiesa poggiano su un antico Tempio di Ercole eretto, a sua volta, su antiche mura ciclopiche visibili all’interno della cripta. La facciata presenta un grande rosone, le navate sono arricchite da affreschi di vari artisti e il campanile, che misura ben 57 metri, è il più alto di tutta la regione Abruzzo. All’interno del Duomo è possibile ammirare una serie di cappelle rinascimentali e respirare l’atmosfera tipica dei luoghi di culto più antichi e vissuti.

Il comune di Atri non è esclusivamente simbolo di arte, ma regala anche scenari e panorami suggestivi grazie alla presenza di un territorio e di un paesaggio davvero caratteristici; la cittadina, infatti, si affaccia sul mare e si estende su tre colli che scendono verso l’Adriatico e su imponenti calanchi, frutto dell’erosione e caratterizzati dalla scarsità di vegetazione.